Settimana sociale: Lineamenta, lavoro al primo posto. Promuovere “cittadinanza attiva” e “voto col portafoglio”

“Il lavoro è parte centrale della nuova e ineludibile prospettiva dell’ecologica integrale”. E’ quanto si legge nei Lineamenta della prossima Settimana sociale, in programma a Taranto nel 2021, in cui si ribadisce la necessità di un lavoro libero, creativo, partecipativo e solidale – i quattro aggettivi che hanno fatto da sfondo all’ultima edizione della Settimana sociale, svoltasi a Cagliari nel 2017 – e si fa notare che dalla “riconciliazione” tra ecologia ed economia “stanno nascendo nuove figure professionali, nuove competenze, nuove imprese, dunque nuovo lavoro”. Per vincere la sfida della sostenibilità del pianeta, la tesi di fondo del documento, occorrere “discernere e costantemente connettere i quattro grandi ambiti della sostenibilità ambientale, sociale, culturale, normativa”. Un lavoro a quattro mani, lo definisce il Comitato scientifico e organizzatore dell’evento: “La mano ‘invisibile’ del mercato da asola non può farcela”, e neanche la “seconda mano” delle istituzioni, perché “non esistono istituzioni mondiali in grado di imporre il rispetto di un accordo sulle emissioni inquinanti tra i diversi Stati”, fa notare la Cei: proprio per questo sarà decisivo il contributo della “terza e quarta mano”, quella di imprese e di imprenditori “più ambiziosi” e capaci “di guardare non solo al profitto ma anche all’impatto sociale ed ambientale e quella della “cittadinanza attiva”, cioè “di tutte le persone di buona volontà”, che richiede “una conversione delle nostre scelte e dei nostri stili di vita”. “Quanto le abitudini sociali intaccano i profitti delle imprese, queste si vedono spinte a produrre in un altro modo”, si fa notare del testo a proposito della responsabilità sociale dei consumatori: “Se da domani iniziamo a votare col portafoglio, premiando quelle aziende all’avanguardia nella capacità di creare valore economico in modo ambientalmente e socialmente sostenibile, il mercato premierà l’innovazione giusta e la sostenibilità diventerà sempre più economicamente conveniente”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa