Papa Francesco: a partecipanti #UniteToCure, servono “riflessione interdisciplinare” e “azioni concrete a favore di chi soffre”

foto SIR/Marco Calvarese

“Se vogliamo preparare il futuro assicurando il bene di ogni persona umana, dobbiamo agire con una sensibilità tanto maggiore quanto più i mezzi a nostra disposizione diventano potenti”. Ne è convinto il Papa che ha ricevuto in udienza i partecipanti alla IV Conferenza internazionale “Unite To Cure A Global Health Care Initiative” che si chiude oggi in Vaticano. “Questa – avverte Francesco – è la nostra responsabilità verso l’altro e verso tutti gli esseri viventi. Infatti, c’è bisogno di riflettere sulla salute umana in un contesto più ampio, considerandola non solo in rapporto alla ricerca scientifica, ma anche alla nostra capacità di preservare e tutelare l’ambiente e all’esigenza di pensare a tutti, specialmente a chi vive disagi sociali e culturali che rendono precari sia lo stato di salute sia l’accesso alle cure”. Per Francesco, “pensare il futuro significa, quindi, intraprendere un itinerario segnato da un duplice movimento. Il primo, ancorato a una riflessione interdisciplinare aperta che coinvolga molteplici esperti e istituzioni e permetta uno scambio reciproco di conoscenze; il secondo, costituito dalle azioni concrete a favore di chi soffre”. Entrambi questi movimenti, conclude, “esigono la convergenza di sforzi e di idee capaci di coinvolgere rappresentanti di varie comunità: scienziati e medici, pazienti, famiglie, studiosi di etica e di cultura, leader religiosi, filantropi, rappresentanti dei governi e del mondo imprenditoriale”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa