Diocesi: Casale Monferrato, il 28 settembre si ricorda il sacerdote scrittore Alessandro Pronzato

Ad un anno dalla morte, sabato 28 settembre la diocesi di Casale Monferrato ricorderà il sacerdote scrittore Alessandro Pronzato. Lo farà con il convegno “Alessandro Pronzato, suscitatore di inquietudini” che sarà ospitato dalle 10 nella Sala dell’Immacolata presso la sede del settimanale diocesano “La Vita Casalese” (piazza Calabiana 1, Casale Monferrato).
Dopo l’introduzione di mons. Gianni Sacchi, vescovo di Casale Monferrato, interverranno il card. Severino Poletto, arcivescovo emerito di Torino, mons. Luciano Pacomio, vescovo emerito di Mondovì, e la giornalista Chiara Genisio, vicepresidente nazionale della Fisc e direttrice dell’Agenzia giornali diocesani del Piemonte. Durante la mattinata è prevista la lettura di alcuni passi degli scritti di don Pronzato proposta dal Collettivo Teatrale. Presso l’adiacente Galleria San Filippo, saranno esposti il percorso biografico e la rassegna delle pubblicazioni. Alle 12, nella chiesa dell’Addolorata, verrà celebrata una messa in suffragio.
Nativo di Rivalba di Valmacca (Al), Pronzato venne ordinato sacerdote dall’allora vescovo di Casale Monferrato, mons. Giuseppe Angrisani, che, in seguito, lo incoraggiò, insieme a don Giovanni Barra e successivamente a Paolo VI, ad intraprendere il servizio della penna. Ha scritto più di 130 libri, tradotti in molte lingue, due dei quali – “La nostra bocca si aprì al sorriso. Umorismo e fede” e “Vangeli scomodi” – sono stati donati da Papa Francesco a Fidel Castro nel viaggio a Cuba del 2015. Recente è la pubblicazione di “Il prete e la gioia” che raccoglie riflessioni, scritti e semplici abbozzi prodotti negli anni da Pronzato e ora ordinati e completati da mons. Leonardo Sapienza.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa