Piccoli Comuni: a Gornate Olona la XIX conferenza nazionale. Decaro (Anci), “nostre priorità sono ripopolamento, semplificazione, dignità per amministratori”

“I piccoli Comuni sono la storia stessa del nostro Paese. Una storia non da ricordare sui libri, ma da difendere e da rivendicare con orgoglio per richiamare all’attenzione dell’agenda nazionale i diritti che i circa 5.000 piccoli Comuni del nostro Paese hanno e la grande opportunità che possono rappresentare per l’Italia”. Lo afferma il presidente dell’Anci, Antonio Decaro, alla vigilia della XIX conferenza nazionale dei piccoli Comuni in programma a Gornate Olona (Va) per il 5 e 6 luglio sul tema “Noi siamo piccoli… ma facciamo grande l’Italia”.
“Durante i lavori dell’assemblea – prosegue Decaro – intendiamo definire un’agenda di priorità, da presentare all’attenzione del Governo, che parta dal tema del ripopolamento, attraverso iniziative capaci di generare occupazione ed economia”. “Perché – sottolinea il presidente Anci – se è vero che legge Realacci, ha rappresentato un passaggio fondamentale riconoscendo la specificità dei piccoli Comuni, oggi chiediamo risorse e procedure semplificate per l’erogazione dei contributi nonché la titolarità e la possibilità di investirle sui territori”. Inoltre, spiega Decaro, vengono chiesti “dignità e adeguati riconoscimenti per gli amministratori locali, affinché il ruolo del sindaco non sia più, come oggi accade, quello di un volontario civico e per scongiurare quanto sta già accadendo in alcune realtà d’Italia che nessuno si voglia più candidare a svolgere quello è infondo è il mestiere più bello del mondo”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori