Diocesi: Acireale, grazie al Progetto Policoro un giovane con il microcredito ha avviato la sua nuova attività imprenditoriale

Grazie allo sportello del Progetto Policoro un giovane di Acireale ha potuto avviare la sua nuova attività imprenditoriale. Dopo un iter, che ha previsto due fasi (tra banca e ministero per lo Sviluppo economico), il giovane ha potuto accedere al nuovo strumento del microcredito diocesano, strumento fortemente voluto dal vescovo mons. Antonino Raspanti. Il progetto del giovane arcese e l’attività dello sportello del Progetto Policoro della diocesi di Acireale, saranno presentati venerdì mattina, alle 11, nell’archivio storico diocesano. Tanti altri giovani sono in cammino per sviluppare la propria idea imprenditoriale, valutarne la sostenibilità e l’impatto sociale insieme agli animatori e ottenere il finanziamento (fino a 25mila euro) garantito dal Fondo di garanzia del ministero per lo Sviluppo economico e dal Fondo europeo per gli investimenti. “La nascita di questo primo ‘gesto concreto’ del Progetto Policoro – spiegano gli animatori Salvo Emanuele Leotta e Saria Pavone – è un segno tangibile di speranza, scaturito da un investimento della Chiesa e della diocesi che sin da subito ha mostrato potenziale virtuoso, in termini di formazione nostra e dei giovani che continuiamo a incontrare, di una nuova cultura del lavoro giovanile, di creazione di nuove opportunità lavorative e di sviluppo integrato del territorio”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori