Diocesi: Csi Latina, 12 detenute coinvolte nel progetto “Si vola con le proprie ali”

“Si vola con le proprie ali” è il titolo di un progetto del Csi–Comitato provinciale di Latina che coinvolge dodici detenute della sezione alta sicurezza della casa circondariale del capoluogo pontino insieme ad altrettante pallavoliste di una selezione di squadre del territorio. Nei giorni scorsi, le due formazioni si sono affrontate in due partite amichevoli e poi hanno giocato insieme in squadre miste. “L’iniziativa è frutto di un impegno preso dopo il Giubileo della Misericordia – spiega al Sir il presidente del Csi di Latina, Davide Emmanuel Vitamore –. Durante l’anno, le detenute si sono allenate ogni settimana e hanno seguito un percorso educativo su rispetto delle regole, lavoro di gruppo, fiducia reciproca. L’80% vengono da reati di mafia: superare la cultura del clan per maturare un vero spirito di squadra è stata una conquista. Abbiamo riservato loro la stessa cura che riceve ogni atleta di società sportiva: abbiamo comprato per tutte completini da gioco e una maglia l’abbiamo donata anche a Papa Francesco. La loro risposta ci ha sorpresi: hanno addirittura seguito allenamenti extra nelle ore di libertà”. “Quando ci hanno detto che avremmo giocato con atlete del ‘mondo libero’ ero preoccupata del giudizio che le nostre avversarie avrebbero avuto di noi. Invece, dopo il fischio d’inizio, mi sono sentita per la prima volta libera e concentrata solo a sostenere le compagne”, racconta una delle partecipanti. Il progetto da settembre coinvolgerà anche altre detenute.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo