Disagio: Medicina Solidale, in un anno visitate e accolte oltre 10mila persone nei cinque ambulatori di strada presenti a Roma

Sono oltre 10mila le persone accolte e visitate dai medici volontari di Medicina Solidale in un anno (2 luglio 2018-2 luglio 2019) nei 5 ambulatori di strada presenti nella Capitale. Donne, uomini e bambini che vivono ai margini della città e che sempre di più hanno la necessità di appoggiarsi a strutture come quella di Medicina Solidale non solo per le cure mediche, ma anche per un sostegno psicologico e alimentare. La percentuale degli italiani è ormai vicina al 60% (fino al 2015 era del 40%), sottolinea una nota diffusa da Medicina Solidale.
In crescita le donne con figli che rivolgono all’associazione con oltre 2000 bambini assistiti. In aumento anche la percentuale delle persone anziane sole (passata dall’8 all’11% rispetto a un anno fa) che non riescono a vivere con la sola pensione sociale.
Quaranta i medici volontari dell’associazione che vengono coadiuvanti da 2 ostetriche volontarie, 3 infermieri, 1 mediatrice sociale e 3 persone per l’accoglienza.
Medicina Solidale è presente con gli ambulatori di strada a via Aspertini (Tor Bella Monaca); a Casa Scalabrini, in via Prenestina; a Fonte di Ismaele, in via Chiovenda; a Vo.Re.Co a via della Lungara. Da oltre un anno, poi, l’associazione si è messa disposizione delle attività svolte sotto il colonnato di San Pietro e del camper per le emergenze di strada promosse dall’Elemosineria Vaticana.
A queste attività, ricorda Medicina Solidale, si deve aggiungere “Bambini al centro”, grazie alla quale oltre 200 piccoli che vivono a Roma in situazioni di disagio e in particolare nelle occupazioni e nelle baraccopoli improvvisate nella periferia della Capitale possono partecipare gratuitamente ai campi estivi. Questa iniziativa è realizzata in collaborazione con il Centro Oratori Romani e con il sostegno di McDonald’s e Comunità e Servizi srl che hanno fornito i pasti principali per i piccoli ospiti.
“Proprio oggi – spiega Lucia Ercoli, direttore dell’associazione Medicina Solidale – a via Aspertini a Tor Bella Monaca ci sarà l’incontro per ringraziare tutto il nostro personale volontario grazie al quale ogni giorno possiamo donare una speranza a chi l’ha perduta”.
“Una rete silenziosa, la nostra come tante altre presenti a Roma – aggiunge Ercoli -, che cerca di ricostruire, con non poche difficoltà, un tessuto sociale che in questi anni si è sfilacciato lasciando drammaticamente ai margini i più deboli”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa