Diocesi: Bari, preghiera sul lungomare. Mons. Ciavarella (vicario), “aprire il nostro cuore alla misericordia”

“Voglio riprendere un pensiero di papa Francesco, dettato nel messaggio quaresimale dello scorso anno: ‘quanto desidero che i luoghi in cui si manifesta la Chiesa diventino delle isole di misericordia in mezzo al mare dell’indifferenza. Gli occhi fissi su di Lui: siamo indifferenti su Cristo sofferente, migrante e che perde la vita? Il nostro cuore deve essere aperto alla misericordia’. Ringrazio la Caritas e l’Ufficio Migrantes per questo momento di preghiera. Le preghiere devono essere silenziose ma soprattutto impegnative, affinché possiamo aprire il nostro cuore alla misericordia”. Queste le parole che mons. Domenico Ciavarella, vicario generale della diocesi di Bari-Bitonto, rivolge ai fedeli accorsi sul lungomare di Bari al momento di preghiera per i migranti, organizzato ieri sera da Caritas e Ufficio Migrantes diocesani di Bari. E su questo pensiero gli fa eco ancora don Vito Piccinonna sostenendo che “abbiamo bisogno di fare verità dentro noi stessi. Come credenti dobbiamo riprendere in mano il nostro rapporto con il Signore e con gli altri. La realtà attuale è molto critica e pone diversi interrogativi. Per questo, oltre che indignarci, dobbiamo continuare ad avere coraggio e a chiederci da che parte stare. E in questo il Vangelo e il Magistero della Chiesa sono molto chiari”. E anche per questo, prima della preghiera la Caritas ha invitato a digiunare, un’occasione “anche per maturare interiormente le ragioni di accoglienza e ospitalità”.

 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa