Gioco d’azzardo: Insieme contro l’azzardo su legge regionale Puglia, “subito in vigore il distanziometro”

“Venga rispettata la distanza minima di 500 metri prevista dalla legge” tra le sale da gioco e i luoghi sensibili come scuole, oratori, centri giovanili. È quanto chiede Attilio Simeone, coordinatore nazionale del cartello Insieme contro l’azzardo, riguardo alle modifiche alla Legge n. 43 del 13 dicembre 2013 sul “Contrasto alla diffusione del gioco d’azzardo patologico (Gap)” in discussione oggi nel Consiglio regionale della Puglia. “Nella proposta – spiega una nota – la distanza che deve intercorrere tra le sale da gioco e gli istituti scolastici di secondo grado, le università e le biblioteche pubbliche passa da 500 a 250 metri. Inoltre, fatto ancor più grave, si chiede di abrogare il comma 3 dell’articolo 7, che prevede l’attuazione del cosiddetto ‘distanziometro’ anche per le attività già esistenti al momento del rinnovo dell’autorizzazione, e comunque entro i primi cinque anni dalla data di entrata in vigore della legge”.
Secondo Simeone si tratta di “una scelta – qualora dovesse essere avallata – inaccettabile, specie in Puglia dove ogni anno vengono dissipati nel gioco quasi otto miliardi di euro”. “In altre Regioni, come il Piemonte, l’applicazione della distanza minima da luoghi sensibili ha portato, solo nel primo anno di applicazione, una diminuzione del consumo di azzardo di circa il 20%, con ricadute positive anche in termini di salute pubblica”, aggiunge il coordinatore di Insieme contro l’azzardo, evidenziando che “smentendo lo spauracchio paventato dagli imprenditori del settore – nessun lavoratore ha perso il posto”.
“Chiediamo, ai fini della concreta attuazione della ratio della legge in questione, che siano lontani dalle scuole, dalle chiese, dagli oratori, dagli impianti sportivi e dai centri giovanili, ma anche dalle banche, dai bancomat e dalle finanziarie”, conclude Simeone.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa