Famiglie numerose: Anfn, “in casa nostra difficile che ci siano figli bamboccioni”. Oggi presentazione del volume “Educazione orizzontale”

Nelle famiglie dove i figli possono arrivare anche a una decina è difficile che ci siano bamboccioni. A dirlo è una ricerca promossa dall’Associazione nazionale famiglie numerose (Anfn) e commissionata al Centro Internazionale Studi Famiglia (Cisf) e all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, realizzata su un campione di famiglie con almeno tre fratelli e di figli unici originari di sei diverse regioni italiane, distribuite tra Nord, Centro e Sud. Lo studio è contenuto nel libro “Educazione orizzontale. Il mestiere di fratelli e sorelle nelle famiglie numerose”, pubblicato da Toscana Oggi e curato da Francesco Belletti, direttore del Centro internazionale studi famiglia, e da Raffaella e Giuseppe Butturini, già presidenti nazionali di Anfn, genitori di dieci figli. Il volume verrà presentato oggi pomeriggio a Roma, nella sede della fondazione vaticana Centro internazionale Famiglia di Nazareth. In base allo studio, in particolare, i figli cresciuti nelle famiglie numerose sono destinati a divenire adulti dotati di personalità solide, generose, responsabili, molto più che i figli unici. Il merito sarebbe dei fratelli e delle sorelle, che si educano tra loro, secondo la ricerca. “Del resto – commenta Francesco Belletti – la letteratura racconta già ampiamente come la presenza di fratelli e sorelle – per un bambino piccolo – possa fare la differenza. Meno interpellati sono stati, invece, almeno fino ad ora, quei giovani “un po’ “in mezzo al guado”, tra bambini e adulti” che, con una maturità diversa – conclude –, sono capaci di riflettere su quanto possa aver inciso, nella loro crescita, aver avuto fratelli e sorelle”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa