Diocesi: mons. Lambiasi (Rimini), per i 100 anni di don Probo “una vita profumata di gioia”

“Questa è stata e continua a essere la tua vita, caro don Probo. Una vita profumata di gioia. È la gioia di essere uomo, cristiano, prete”. Lo ha detto il vescovo di Rimini, mons. Francesco Lambiasi, nell’omelia della messa celebrata, ieri in cattedrale, in occasione dei 100 anni di don Probo Vaccarini, sposo, vedovo e sacerdote. Il presbitero ha concelebrato accanto al presule e ai suoi quattro figli sacerdoti: don Giovanni, don Giuseppe, don Francesco e don Gioacchino. “Anche noi pastori ci portiamo dentro un desiderio sconfinato di felicità – ha aggiunto il vescovo – e anche a noi è stata promessa una gioia straripante, corrisposta con un tasso di interesse centuplicato, versata in caparra con una misura pigiata, scossa e traboccante”. Il riferimento di mons. Lambiasi è alla “gioia di essere peccatori perdonati e messaggeri di perdono”. Nelle sue parole due messaggi che “oggi tu ci consegni, caro don Probo”. Il primo è rivolto a “tutti i fratelli e a tutte le sorelle di fede”. “Oggi noi cristiani siamo chiamati a vivere in un mondo che non riesce più a trovare l’indirizzo di casa della gioia. Papa Francesco ci scuote: ‘Non lasciamoci rubare la gioia! Un cristiano non può mai essere triste’”. L’altro messaggio indicato dal vescovo riguarda i sacerdoti. “Con te, caro don Probo, noi, pastori, in rappresentanza dell’intero presbiterio di Rimini, diciamo forte: ‘Noi non intendiamo fare da padroni della vostra fede; siamo invece i collaboratori della vostra gioia’”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa