Bilancio Ue: Commissione, priorità a occupazione, giovani, cambiamento climatico, sicurezza. Impegni per 168 miliardi

(Bruxelles) “Il progetto di bilancio dell’Unione per il 2020 è l’ultima proposta di bilancio della Commissione Juncker. L’obiettivo è mantenere il sostegno alle priorità comunitarie – occupazione, crescita, giovani, cambiamenti climatici, sicurezza e solidarietà – e preparare la transizione verso il prossimo ciclo di bilancio. Invito il Consiglio e il nuovo Parlamento a raggiungere un accordo tempestivo che possa fornire stabilità al futuro dell’Ue”. Günther H. Oettinger, commissario europeo per il bilancio, si rivolge alle autorità di budget chiedendo un accordo rapido sul bilancio del prossimo anno, per il quale la Commissione ha avanzato oggi una prima proposta. Si tratta del settimo e ultimo bilancio nel quadro dell’attuale bilancio a lungo termine dell’Ue per il periodo 2014-2020. Secondo la Commissione, “è inteso a ottimizzare i finanziamenti per i programmi esistenti e per le iniziative nuove e a rafforzare il valore aggiunto europeo in linea con le priorità della Commissione Juncker”. Secondo la proposta della Commissione, le risorse del bilancio 2020 “saranno destinate ai seguenti settori prioritari: economia competitiva e giovani; rafforzamento della sicurezza e della solidarietà nell’Ue, cambiamenti climatici”. Il 21% del bilancio complessivo proposto per il 2020 sarà destinato alla lotta ai cambiamenti climatici.
Il progetto di bilancio per il 2020 comprende due importi (impegni e pagamenti) per ciascun programma da finanziare. Per “impegni” – chiarisce un comunicato della Commissione – si intendono i finanziamenti che possono essere stabiliti nei contratti in un determinato anno, mentre i “pagamenti” sono gli importi effettivamente erogati. Il progetto di bilancio per il 2020 ammonta a 168,3 miliardi di euro in impegni (+1,3% rispetto al 2019) e a 153,7 miliardi in pagamenti (+3,5% rispetto al 2019). Il bilancio 2020 e il bilancio a lungo termine (2021-2027) saranno negoziati in parallelo tra gli Stati membri e il neoeletto Parlamento europeo.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa