Sindaco Rocca di Papa: p. Poovakulam (parroco), “la comunità è sconvolta”

“Una persona sempre disponibile per le necessità della parrocchia e di tutta la comunità, che oggi è sconvolta per la sua tragica scomparsa”: così il parroco di Santa Maria Assunta, nel centro storico di Rocca di Papa (Rm), padre Saverio Shiju Poovakulam, ricorda con il Sir il sindaco del comune dei Castelli Romani, Emanuele Crestini, morto ieri sera dopo essere rimasto coinvolto nell’esplosione che il 10 giugno ha colpito lo stabile del comune e un altro edificio. Il primo cittadino era ricoverato all’ospedale Sant’Eugenio di Roma per le gravi ustioni riportate e per aver respirato i fumi provocati dall’incendio, scoppiato per una fuga di gas avvenuta durante dei lavori. Crestini è la seconda vittima della tragedia: domani saranno celebrati i funerali di un suo collaboratore, Vincenzo Eleuteri, scomparso nei giorni scorsi pure lui mentre era ricoverato al Sant’Eugenio. “Proprio il giorno dell’esplosione, con un gruppo di parrocchiani, eravamo partiti per un pellegrinaggio in Terra Santa e abbiamo appreso la notizia mentre eravamo in viaggio – racconta il parroco –. Nei luoghi santi abbiamo sempre pregato per la nostra città, per il sindaco e per tutte le persone coinvolte nel tragico incidente”. “Con il passare dei giorni, il disegno divino si è rivelato diverso dalle nostre umane speranze e la comunità di fede si è stretta in preghiera attorno a vittime e loro familiari. Ancora più ora, alla notizia della scomparsa del sindaco, che arriva dopo quella del suo delegato Eleuteri. Il Signore doni loro la giusta ricompensa”, conclude.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo