Giornata rifugiato: Milano, stasera veglia ecumenica “Morire di speranza” per ricordare quanti hanno perso la vita nei viaggi verso l’Europa

Si terrà questa sera Milano “Morire di speranza”, veglia ecumenica promossa dalla Comunità di Sant’Egidio per ricordare quanti hanno perso la vita nei viaggi verso l’Europa. Perché la loro memoria non vada perduta e perché tali tragedie non abbiano più a ripetersi. La preghiera “Morire di speranza” si tiene in diverse città italiane ed europee, tra cui Roma, Catania, Barcellona, Torino, Palermo, Madrid, Napoli, Losanna, Padova, Bologna, Bari. A Milano la preghiera si terrà alle 20 nella chiesa di San Bernardino alle Monache. Sarà presieduta da mons. Luca Bressan (vicario dell’arcidiocesi di Milano) e parteciperanno padre Ionut Radu (Chiesa ortodossa romena) e la reverenda Vickie Sims (Chiesa anglicana). Prenderanno parte alla preghiera anche diversi profughi ospitati nei centri di accoglienza milanesi, molti dei quali frequentano le scuole di lingua e cultura italiana della Comunità di Sant’Egidio. La veglia sarà occasione anche per rilanciare il progetto dei corridoi umanitari, realizzato da Sant’Egidio insieme alle Chiese evangeliche italiane e alla Cei. Sono ormai 2.500 – dal Libano per i profughi siriani e dall’Etiopia per quelli del Corno d’Africa – le persone giunte non solo in Italia, ma anche in Francia, Belgio e Andorra.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo