Salvataggio in mare a Latina: Omar Aldardiri, “un’onda anomala stava portando via i bambini e mi sono buttato in acqua”

Riceverà oggi pomeriggio un riconoscimento dal sindaco di Latina, nell’ambito delle iniziative per la Giornata mondiale del rifugiato, Omar Aldardiri, egiziano, 23 anni, che domenica scorsa si è reso protagonista di un salvataggio in mare sul litorale di Latina. “Stavo facendo una passeggiata sul molo a Rio Martino – racconta al Sir – e all’improvviso ho visto alzarsi un’onda anomala. Ho notato due bambini in acqua che facevano il bagno e la corrente che li stava portando via, prima uno e poi l’altro. Immediatamente mi sono tuffato dagli scogli e li ho riportati a riva”. Il soccorso è stato immediato: non c’è stato bisogno dell’intervento dei sanitari per i due bambini, che si sono ripresi velocemente. “Tanta gente è accorsa e hanno cominciato a ringraziarmi, anche il padre dei bambini, dopo essersi ripreso dallo spavento. Io però sono tornato a casa quasi subito” prosegue. Omar, dopo cinque anni difficilissimi in Libia, è arrivato in Italia nel 2017 su un barcone che lo ha portato in Sicilia. Da lì, è stato trasferito a Latina, dove è ospite di un centro Cas, gestito dalla Prefettura attraverso la cooperativa Astrolabio. In attesa del riconoscimento dello status di rifugiato, per cui è già stato in commissione, oggi ha un permesso di soggiorno come richiedente asilo. È arrivato in Italia via mare e ora è stato lui a salvare dal mare delle persone. Però alla domanda se si sente un eroe per il suo gesto, si schiva: “Sono felice, per i bambini prima di tutto. Ma poi, anche per l’opportunità avuta di rendermi utile”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo