Sir: principali notizie dall’Italia e dal mondo. Roma, “hai una maglia antifascista”, e gli rompono il naso. Hong Kong, due milioni alla manifestazione di ieri. Figlia troppo ‘occidentale’, padre marocchino tenta di darle fuoco

Roma. “Hai una maglia antifascista”, e gli rompono il naso

Alle 4 del mattino di ieri quattro ragazzi ventenni sono stati aggrediti da una decina di individui di circa trent’anni al grido di “hai la maglietta del Cinema America, sei antifascista levati subito la maglietta, te ne devi andare via”. I quattro avevano passato la serata in piazza San Cosimato per seguire le proiezioni dei ragazzi del Cinema America. Sono seguite bottigliate, pugni, insulti e testate con minacce affinché i ragazzi levassero le magliette. La denuncia arriva da David Habib ricoverato al Fatebenefratelli, che indossava la maglietta bordeaux ora piena di sangue per una tumefazione e trauma con fattura scomposta alla piramide nasale.

Salvini dagli Usa, in Ue non solo per le briciole

“Faccio parte di un governo che in Europa non si accontenta più delle briciole”. Questo il messaggio che Matteo Salvini intende dare all’amministrazione Trump durante al sua visita a Washington, durante la quale – ha spiegato – “ragioneremo anche dei problemi che si stanno vivendo all’interno dell’Ue”. Da Washington il vice premier ribadisce anche la volontà di realizzare la flat tax: “Possiamo decidere come modularla negli anni, ma un taglio delle tasse ci deve essere assolutamente. Convinceremo la Ue”.

A Cagliari il candidato del centrodestra avanti

Quando sono state scrutinate 144 sezioni su 174, alle elezioni comunali di Cagliari è in testa il candidato sindaco del centrodestra Paolo Truzzu con il 50,48% (27.539 voti), mentre la candidata del centrosinistra, Francesca Ghirra si attesta al 47,46% (18043). Il terzo candidato, Angelo Cremone (lista Verdes), è al 2,05% (1.119 voti). A Sassari è in testa il candidato sindaco del centrosinistra, Mariano Brianda, magistrato, con il 33,86% delle preferenze. Ad Alghero, invece, vince il centrodestra. Non è ancora ufficiale perché mancano tre sezioni (50 su 53) ma il candidato sindaco Mario Conoci è saldamente in testa da inizio scrutinio con il 53,03% dei voti. A Illorai, nel Sassarese, Titino Cau è il primo sindaco leghista in Sardegna.

Hong Kong, due milioni alla manifestazione di domenica. Libero leader degli ombrelli, Wong

Due milioni di persone, un fiume umano ieri è sceso per la strade di Hong Kong, per chiedere il ritiro definitivo della legge sulle estradizioni e le dimissioni del capo dell’esecutivo Carrie Lam. È di stamattina la notizia che Joshua Wong, uno degli studenti leader del “movimento degli ombrelli” che per 79 giorni bloccò nel 2014 il centro di Kong Kong con una protesta pro-democrazia, è stato scarcerato dopo aver scontato la condanna a due mesi di reclusione inflittagli per il ruolo avuto nelle manifestazioni. La polizia di Hong Kong intanto ha fatto sapere di voler liberare le strade dalle proteste questa mattina. L’annuncio è stato fatto ad una conferenza stampa convocata alle prime ore del giorno. Molti manifestanti hanno passato la notte scorsa vicino alla sede del governo dopo le imponenti manifestazioni di ieri contro la legge sulle estradizioni, che si teme possa aumentare la pressione della Cina sul territorio semi autonomo. A vegliare su di loro pochi agenti.

Figlia troppo ‘occidentale’, padre tenta di darle fuoco. Marocchino arrestato

Ha cosparso il corpo della figlia di benzina e ha tentato di darle fuoco perché aveva assunto un abbigliamento troppo occidentale. A salvare la vita alla ragazzina, una 15enne di Arcade (Treviso), è stato solo il fatto che l’accendino del padre, di origini marocchine e residente da anni in Italia, si è inceppato. L’uomo è stato arrestato per maltrattamenti dopo che la madre della giovane si è rivolta ai servizi sociali denunciando l’episodio. Madre e figlia si trovano attualmente in un centro protetto.

Maxi black out in Argentina e Uruguay, 50 milioni di persone senza elettricità

Maxi black out in Argentina e Uruguay a causa di un grosso guasto nel sistema di interconnessione elettrica ha lasciato Argentina e Uruguay senza corrente. È quanto riferisce dal suo profilo Twitter la società di fornitura elettrica Edesur Argentina. La popolazione di Argentina e Uruguay insieme è di circa 48 milioni di persone.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo