Papa in Romania: messa a santuario mariano in Transilvania, “lottare perché quelli che ieri erano rimasti indietro diventino i protagonisti del domani, e i protagonisti di oggi non siano lasciati indietro domani”

Pellegrinare “è l’impegno a lottare perché quelli che ieri erano rimasti indietro diventino i protagonisti del domani, e i protagonisti di oggi non siano lasciati indietro domani”. Nella parte finale dell’omelia pronunciata nel santuario mariano di Sumuleu-Ciuc, il Papa ha declinato in senso dinamico e rivolto al futuro il verbo che ha scelto come motivo centrale, strettamente legato all’esperienza del pellegrinaggio che migliaia di fedeli ogni anno compiono in questo angolo ungherese di Romania. “E questo richiede il lavoro artigianale di tessere insieme il futuro”, la consegna di Francesco: “Ecco perché siamo qui per dire insieme: Madre, insegnaci ad imbastire il futuro”. “Pellegrinare a questo santuario ci fa volgere lo sguardo a Maria e al mistero della elezione di Dio”, ha proseguito Francesco: “Lei, una ragazza di Nazaret, piccola località della Galilea, nella periferia dell’impero romano e anche nella periferia di Israele, con il suo ‘sì’ è stata capace di dare il via alla rivoluzione della tenerezza”. “Il mistero della elezione da parte di Dio, che pone i suoi occhi sul debole per confondere i forti, ci spinge e incoraggia anche noi a dire ‘sì’, come lei, per percorrere i sentieri della riconciliazione”, l’invito finale: “Chi rischia, il Signore non lo delude. Camminiamo, e camminiamo insieme, lasciando che sia il Vangelo il lievito capace di impregnare tutto e di donare ai nostri popoli la gioia della salvezza”. Al termine della celebrazione, il Papa – come è consuetudine quando visita i santuari mariani – dona una rosa d’oro alla Vergine. Quindi, dopo il saluto dell’arcivescovo di Alba Iulia, mons. György Miklós Jakubinyi, e la benedizione finale, si trasferisce in auto alla Casa arcidiocesana Jakab Antal Ház dove pranza, accolto dal direttore e da alcuni collaboratori della Casa. Questo pomeriggio, a Iasi, l’incontro mariano con la gioventù e le famiglie.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia