Diocesi: Ancona, dedicata al mondo della scuola la terza “Giornata dell’anima”

“Dare un’anima alla scuola”: questo il titolo del terzo incontro delle Giornata dell’anima, organizzate dall’arcidiocesi di Ancona-Osimo. Giunte alla settima edizione, le “giornate” hanno come obiettivo quello di umanizzare la convivenza civile. I primi due incontri di quest’anno, che si sono svolti al teatro S. Cosma di Ancona, si sono concentrati sui problemi dell’economia e della bioetica. Domani, venerdì 31 maggio a Osimo, nel salone S. Francesco della basilica di S. Giuseppe da Copertino, la terza serata porrà al centro la scuola, una realtà su cui si rifletterà non solo sotto l’aspetto pedagogico ma anche partendo dai fatti di cronaca quotidiana. A ragionare sul tema sono stati chiamati due operatori scolastici – Gaetano Tortorella e Rita Scocchera – che della scuola si occupano non solo teoricamente, ma anche praticamente, nel vivo della quotidianità educativa. Gaetano Tortorella è insegnante di religione cattolica di scuola secondaria superiore e docente di teologia morale all’Istituto superiore marchigiano di scienze religiose di Ancona; è stato anche segretario generale del Polo teologico marchigiano della Facoltà di teologia della Pontificia Università Lateranense e segretario di redazione della rivista “Sacramentaria e scienze religiose”, dove ha pure pubblicato alcuni saggi, dedicati specialmente alla morale familiare. Rita Scocchera è stata docente di scuola secondaria superiore, è dirigente tecnico del Miur – Ufficio scolastico regionale per le Marche. L’incontro si svolgerà dalle 17.45 alle 19.15 e sarà presieduto da mons. Angelo Spina, arcivescovo di Ancona-Osimo.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo