Regno Unito: elezioni comunali. Cochrane (Un. del Kent), “dal Brexit nessun impatto in Nord Irlanda” ma timori per future tensioni

(Londra) “Mentre tutto sta cambiando in Inghilterra, quasi nulla cambierà in Nord Irlanda”. Feargal Cochrane, cattolico, di Belfast, esperto di conflitti internazionali e docente di politica all’Università del Kent, ritiene che il conteggio dei voti delle elezioni municipali, appena cominciato, in quel pezzo delle isole irlandesi che ancora appartiene al Regno Unito confermerà lo status quo. In Nord Irlanda verranno eletti i consiglieri di tutti e undici i comuni e i distretti, da Armagh a Belfast e da Antrim a Lisburn. “Il caos generato dal Brexit non avrà nessun impatto in Nord Irlanda, a differenza di quello che sta succedendo in Inghilterra”, spiega il professor Cochrane. “Verranno confermati i due partiti più importanti, lo Sinn Fein dal voto nazionalista, da chi vuole un’Irlanda unita, e il Dup, da chi vuole restare con il Regno Unito”. L’esperto pensa che queste elezioni e quelle europee della fine di maggio polarizzeranno gli elettori ostacolando un dialogo politico. “A queste due tornate elettorali seguirà la stagione delle marce di luglio e agosto dove tensioni e scontri sono frequenti tra i due versanti del conflitto”, spiega il professore. “L’assenza delle istituzioni è pericolosa e danneggia il dialogo come dimostra il ritorno della violenza con l’omicidio della giornalista Lyra McKee, uccisa dai terroristi della Nuova Ira, durante gli scontri del Giovedì santo a Derry”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo