Giustizia: Mattarella, “insostituibile il ruolo della classe forense, attività sia esercitata con autonomia e professionalità”

(Foto: Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica)

“Il 2018, così come i primi mesi dell’anno in corso, sono stati segnati dall’approvazione di importanti provvedimenti legislativi, per l’attuazione dei quali si rivela fondamentale il contributo della classe forense”. Lo scrive il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel messaggio inviato al presidente del Consiglio nazionale forense, Andrea Mascherin, in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario.
Riferendosi alla classe forense, il Capo dello Stato sottolinea che “il ruolo insostituibile, che essa svolge nella elaborazione della cultura giuridica del Paese, impone che l’attività forense sia esercitata con autonomia e professionalità”. “A tal fine – prosegue Mattarella – si rivela centrale la cura per la formazione continuativa e l’impegno per il rigoroso rispetto delle regole deontologiche, che il Consiglio ha da sempre assicurato”.
“Il tema scelto per l’odierna tavola rotonda – conclude il Capo dello Stato – dimostra la rinnovata consapevolezza in ordine alla funzione, anche sociale dell’avvocatura, chiamata a promuovere la tutela dei diritti fondamentali della persona in una società in dinamico mutamento”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo