Migranti: Caritas ambrosiana espone lo striscione “Be Human”

Questo pomeriggio, uno striscione con la scritta “Be Human” è stato esposto dalle finestre della sede di Caritas Ambrosiana, in via San Bernardino 4, nel cuore di Milano. La scritta è un invito “a coltivare la propria umanità in un momento difficile in cui la paura verso l’ignoto e il diverso, ingigantita strumentalmente, alimenta un clima di odio, risentimento, rancore di cui diventano vittime i più indifesi”. Lo striscione viene esposto oggi in occasione dell’apertura a Roma dell’assemblea generale di Caritas Internationalis, cui partecipa anche il direttore di Caritas ambrosiana, Luciano Gualzetti. Lo frase “Be human” era già comparsa su uno striscione lungo 20 metri srotolato un anno fa sotto il Pirellone, la sede della Regione Lombardia, al termine della discesa in corda doppia de “I Ragni di Lecco” dalla cima del grattacielo, durante un flash mob, con il quale Caritas ambrosiana, aveva aderito alla campagna internazionale “Share the journey”. Proprio quella campagna, in questi giorni a Roma, celebra un’altra tappa importante: l’esposizione del collage interattivo “Il futuro è fatto di NOI, condividiamo il viaggio” dell’artista romano Stefano Maria Girardi. Ispirato dalla riflessione di Papa Francesco sul nostro comune futuro, il collage alto tre metri, che Caritas ambrosiana ha contributo a realizzare, contiene i visi di persone che potrebbero non conoscersi personalmente, ma le cui vite sono legate inestricabilmente: migranti e rifugiati del passato e del presente, leader politici, amministratori delegati delle più grandi aziende, membri della Caritas di parti diverse del mondo e altri che fanno parte del nostro viaggio migrante. In ideale collegamento con quell’opera, Caritas ambrosiana, ha scelto oggi di rilanciare il suo appello a rimanere umani.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo