Ambiente: dalla Ue stop alla plastica monouso. Vella (Commissione), “scongiurati danni ambientali per 22 miliardi entro il 2030”

Bruxelles: il commissario Karmenu Vella

(Bruxelles) “In Europa si avverte sempre più l’urgenza di fare il possibile per porre fine all’inquinamento da plastica nei nostri mari. L’Unione europea sta rispondendo a questa chiara richiesta dei nostri cittadini. Abbiamo adottato misure ambiziose e concrete per ridurre l’uso dei prodotti di plastica monouso. Le nuove norme adottate oggi ci aiuteranno a proteggere la salute dei nostri cittadini e a salvaguardare l’ambiente naturale, promuovendo nel contempo modelli di produzione e consumo più sostenibili”. Frans Timmermans, primo vicepresidente della Commissione Ue, commenta il via libera alla direttiva sulla plastica monouso adottato oggi dal Consiglio dei ministri dell’Unione. Jyrki Katainen, vicepresidente responsabile per la crescita e gli investimenti, ha aggiunto: “In un’economia moderna dobbiamo ridurre la quantità di rifiuti di plastica e garantire che la maggior parte della plastica utilizzata venga riciclata. Modalità di produzione più innovative e sostenibili creeranno nuove opportunità per le imprese europee, rafforzandone la competitività e la crescita e favorendo la creazione di nuovi posti di lavoro”. Karmenu Vella, commissario per l’ambiente e gli affari marittimi, ha dichiarato: “Le cannucce o le forchette di plastica sono oggetti di piccole dimensioni che possono causare gravi danni duraturi. La legislazione sulla plastica monouso riguarderà il 70% dei rifiuti marini, scongiurando danni ambientali che ci costerebbero 22 miliardi di euro entro il 2030”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa