Salvini e il rosario al comizio: p. Gianni (abate San Miniato al Monte), “una sconcezza per occultare un vuoto reale”

foto SIR/Marco Calvarese

“È una sconcezza. Irrispettosa verso la fede, la Chiesa e la Costituzione. Utilizzare quei simboli e la tradizione cristiana per dividere, è veramente sconcertante”. Così  padre Bernardo Gianni, abate di San Miniato al Monte, commenta al Sir il gesto di Matteo Salvini, che sabato in piazza Duomo a Milano, sul palco della sua manifestazione elettorale, aveva stretto un rosario e chiuso il suo intervento nominando la Madonna. “Da un lato si osserva la disumanizzazione in tanti ambiti, dall’altro si tende a smaltare di presunta religiosità un vuoto di ideali, di profezia e di senso alto della politica. C’è bisogno di brandire queste cose per occultare un vuoto reale. È la sottocultura della paura, che alimenta queste tendenze”, conclude p. Gianni.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa