Elezioni europee: Parlamento Ue, “10 cose per te”. In un video risposte concrete ai bisogni dei cittadini

(Bruxelles) Ci sono almeno “10 cose che il Parlamento europeo ha fatto per te in questi ultimi cinque anni” e che, alla vigilia del voto per il rinnovo del Parlamento europeo forse vale la pena richiamare, per comprendere le conseguenze della scelta che compiranno i cittadini con la propria scheda elettorale il 26 maggio. Un video prodotto dall’Europarlamento illustra sinteticamente, e a mo’ di esempio, alcune delle misure che i 751 eurodeputati hanno approvato tra il 2014 e il 2019 e che rappresentano un innegabile passo avanti per tutti: si va dalle norme sul roaming a tariffa nazionale (“roam like at home”), a quelle per ridurre l’uso di sacchetti di plastica leggera, che tanto pesano sull’inquinamento di mari e fiumi, al divieto (in vigore dal 2021) di utilizzo di prodotti di plastica monouso (piatti, posate, cannucce). Sono poi state abolite le tariffe discriminatorie per gli acquisti online e l’e-commerce in un Paese Ue diverso dal proprio. Il Parlamento ha approvato misure che garantiscono anche ai neo-papà il diritto a un minimo di 10 giorni di congedo parentale e ai lavoratori che si occupano di parenti gravemente malati 5 giorni di congedo l’anno. Ha poi varato norme a tutela della nostra sicurezza o dei nostri commerci internazionali, come con la firma del partenariato commerciale e strategico Ue-Giappone. Dal Parlamento anche la richiesta che finanziamenti Erasmus+ siano triplicati nel prossimo quadro finanziario pluriennale 2021-2027, per permettere a sempre più giovani europei di partecipare a questo programma in materia di istruzione e formazione.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo