Sir: principali notizie dall’Italia e dal mondo. Maltempo: esondato il fiume Savio in Emilia Romagna. Elemosiniere del Papa riallaccia luce in stabile occupato, presentato un esposto

Maltempo: esondato il fiume Savio in Emilia Romagna

Ancora maltempo sull’Italia con neve in quota, grandine e raffiche di vento. In Emilia Romagna l’allerta meteo è stata elevata a rossa per la piena dei fiumi da oggi e per tutta la giornata di domani su pianura e costa romagnola, sulla costa ferrarese e sulla pianura emiliana centrale e orientale. Estesa a domani l’allerta arancione per pericolo di esondazioni e frane nei bacini romagnoli. Situazione critica nel Modenese per la piena dei fiumi Secchia e Panaro. In zona Fossalta-Saliceto Panaro sono in corso opere di prosciugamento e il recupero di una famiglia da un’abitazione. Disposta la chiusura delle scuole e di diversi ponti, la popolazione è stata invitata a portarsi ai piani alti. Il fiume Savio, in provincia di Forlì-Cesena, è esondato questa mattina. Sono in corso controlli delle squadre fluviali dei pompieri per eventuali persone bloccate nelle abitazioni. Due persone in difficoltà, tra cui una disabile, sono state già soccorse.

L’elemosiniere del Papa riallaccia la luce in stabile occupato, presentato un esposto

Tutti con l’elemosiniere del Papa. Gli occupanti dello stabile occupato, a due passi da Santa Croce in Gerusalemme a Roma, sono grati al card. Konrad Krajewski per aver riportato l’elettricità nello stabile in cui vivono e sono pronti ad autodenunciarsi se “qualcuno dovesse prendersela con il cardinale”. Una presa di posizione arrivata dopo le parole del ministro dell’Interno Matteo Salvini: “Se in Vaticano vogliono pagare le bollette a tutti gli italiani in difficoltà ci diano un conto corrente. Sostenere l’irregolarità non è mai un buon segnale”. Intanto Areti, società che per conto di Acea si occupa della distribuzione, ha presentato un esposto contro ignoti per furto di energia. Un atto dovuto che porterà all’apertura di un fascicolo in Procura. Ma sull’elemosiniere grava il nodo “immunità”: qualora il cardinale non volesse avvalersene, la Procura di Roma dovrà comunque seguire un iter diplomatico perché si tratta di un cittadino straniero.

Guerra dei dazi Usa-Cina: borse giù anche in Asia e rischio di guerra commerciale

L’imposizione di dazi cinesi su 60 miliardi di prodotti americani, in risposta all’analoga iniziativa americana, spinge in basso le borse: il Dow Jones di Wall Street perde in chiusura il 2,38%, in calo anche le borse europee e Tokyo conferma il trend in apertura (-1,43). Le borse cinesi aprono la seduta in calo scontando le perdite di Wall Street: l’indice Composite di Shanghai cede nei primi minuti di contrattazione lo 0,69%, a 2.883,75 punti, mentre quello di Shenzhen perde l’1,07%, a quota 1.535,10. A preoccupare è l’ipotesi di una guerra commerciale a tutto campo che rischia di travolgere la già debole economia mondiale, innescando una recessione globale e mettendo all’angolo le banche centrali.

Ue: visita del segretario di Stato Mike Pompeo a Bruxelles

Visita un po’ a sorpresa del segretario di Stato Mike Pompeo a Bruxelles. Il capo della diplomazia Usa ha incontrato Federica Mogherini, Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza. Europa e Stati Uniti sono ancora divisi sulla politica da seguire sull’Iran. Pompeo ha modificato la propria agenda. Ha rinunciato ad andare a Mosca per passare a Bruxelles, nel giorno della riunione dei ministri degli Esteri dei Ventotto. Trump ha deciso unilateralmente di abbandonare l’accordo internazionale che impegnava la Repubblica islamica a rinunciare all’arricchimento dell’uranio e dotarsi di un arsenale nucleare, in cambio della graduale normalizzazione dei rapporti con la comunità internazionale. Un atteggiamento inviso a Bruxelles.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo