Economy of Francesco: p. Gambetti, “grazie al Papa, c’era bisogno di uno scatto ulteriore”

(Foto Siciliani-Gennari/SIR)

“C’era bisogno di uno scatto ulteriore, di qualcuno – e chi meglio del Papa? – che accendesse una scintilla per coagulare attorno al suo messaggio e a quello di Francesco d’Assisi tutti gli uomini di buona volontà”. Così padre Mauro Gambetti, custode del Sacro Convento di Assisi, ha pronunciato il suo “grazie” a Papa Francesco per l’iniziativa Economy of Francesco, che si svolgerà ad Assisi dal 26 al 29 marzo 2020. “Sono tantissime le persone a cui sta a cuore questo tema, che non riguarda soltanto i cristiani”, ha sottolineato il custode durante la presentazione dell’iniziativa, presso la Sala Stampa della Santa Sede. Tra le iniziative portate avanti dal Sacro Convento in preparazione dell’evento, Gambetti ha citato la trasmissione “Con il cuore” e “Il Cortile di Francesco”, insieme ad un progetto per una certificazione sulla “ecologia integrale “realizzato insieme ad alcune università italiane – la Federico II di Napoli, l’Alma Mater di Bologna, il Politecnico di Milano e la Luiss di Roma – attraverso “un’offerta di esperienze e contenuti sui vari modelli di economia, con un appello rivolto ai giovani a mettersi insieme e a tirare fuori, condividendo, quella che per loro è l’economia del futuro”. “Tutte le tre famiglie francescane hanno dato la loro disponibilità per sostenere in tutti i modi l’iniziativa del marzo prossimo”, ha assicurato il custode, sottolineando come il contributo specifico dei seguaci di Francesco non è soltanto quello di testimoniare e raccomandare la “povertà materiale”, ma anche “la povertà di cuore, che non finisce mai e ha il suo punto di snodo nel rinnegamento di sé: una sorta di grande portale che consente di accedere alla fraternità, alla comunione. Quando il punto di vista è quello del povero, tutti hanno il loro posto: ci si sta bene nella fraternità, se è vissuta così, e si capisce il vero senso della ricchezza. Per colui che custodisce un cuore povero, anche la ricchezza trova il suo significato”. Il sindaco di Assisi, Stefania Proietti, ha definito quello del marzo prossimo “un evento epocale”, e si è detta “molto colpita dall’invito inedito del Papa, che coincide con i 40 anni dalla proclamazione di san Francesco tra i custodi dell’ecologia”. “Una sfida enorme”, per Assisi, chiamata a “mostrare che un’altra città, basata sul modello dell’economia sostenibile, è possibile”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo