Diocesi: Albano, una serie di appuntamenti in ricordo di Jean Vanier

È un ricordo commosso quello che la diocesi di Albano formula dopo la morte di Jean Vanier, fondatore de L’Arche, morto il 7 maggio all’età di novant’anni. “La testimonianza e il messaggio di Jean Vanier, che ha trascorso la sua vita accanto ai più fragili, occupandosi in particolare di persone con disabilità mentale, resteranno vivi grazie al suo esempio e ai suoi scritti, che rimangono un punto di riferimento per quanti dedicano la propria vita all’altro più fragile” si legge in una nota. Il legame della diocesi di Albano con Vanier è molto forte, dal momento che sul suo territorio, nel comune di Ciampino (Rm), è presente la comunità Il Chicco, che fa parte della federazione internazionale L’Arche. Nata nel 1981, la comunità Il Chicco oggi è composta da tre case famiglia che accolgono 18 persone con disabilità mentale, accompagnate da assistenti e volontari che vengono da diverse parti del mondo. Nel 2016, ha ricevuto la visita di Papa Francesco. La scelta della comunità, in questi giorni che seguono la morte di Vanier, è di “celebrare la vita” del fondatore, “come lui avrebbe voluto” attraverso tre momenti di preghiera: domenica nella chiesa di San Gioacchino al quartiere Prati a Roma, il vescovo ausiliare mons. Paolo Ricciardi ha presieduto una messa in ricordo di Vanier. Domani, mercoledì 15 maggio, alle 18 una veglia di preghiera è in programma nella sede della comunità Il Chicco, dove giovedì 16 maggio sarà infine possibile seguire in diretta streaming i funerali celebrati nella comunità di Trosly, in Francia.

 

 

 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo