Ciclone Idai: Msf, l’emergenza in Mozambico continua. 1.400 i casi confermati di colera nel Paese, 1.000 sospetti solo a Beira

(Foto: Msf)

Gli effetti devastanti del ciclone Idai in Mozambico e nelle altre aree colpite continuano a farsi sentire e con la maggior parte delle comunità ancora prive di accesso stabile all’acqua pulita, i bisogni medici rischiano di aumentare. Medici senza frontiere (Msf) sta supportando il Ministero della Salute locale in particolare nel contenere l’epidemia di colera. Sono ufficialmente 1.400 i casi confermati in tutto il Paese, ma le équipe di Msf hanno curato oltre 1.000 pazienti sospetti solo a Beira e si preparano ad affrontare l’incremento di altre malattie trasmesse dall’acqua, oltre che di malaria, infezioni della pelle e respiratorie.
Per contenere l’epidemia di colera a Beira, Nhamatanda e Dondo, Msf ha allestito tre centri di trattamento e gestisce un’unità di trattamento in un centro sanitario del Ministero della Salute, potendo assistere in questo modo oltre 350 pazienti per volta. Msf ha anche allestito unità di trattamento da 20 posti letto a Dondo e Tica e una struttura a 10 posti nella località di Buzi. Msf sta inoltre fornendo supporto logistico, tecnico e gestionale al Ministero della Salute per la campagna di vaccinazione di massa a Beira, Dondo, Nhamatanda e Buzi.
Nel frattempo, i team di Msf di potabilizzazione dell’acqua stanno installando nuovi punti di distribuzione – di cui uno a Chingasura, uno dei quartieri di Beira più colpiti dall’epidemia, e un altro a Dombe a beneficio dei campi sfollati nell’area – mentre le équipe di promozione della salute raggiungono le comunità per spiegare alle persone come purificare l’acqua che hanno a disposizione, le buone pratiche per evitare il contagio e cosa fare se emergono sintomi della malattia.
Fin dai primi giorni dell’emergenza Msf ha avviato una risposta massiva nell’area e oggi conta 120 operatori locali che lavoravano con Msf a Beira prima del ciclone, oltre 500 operatori locali reclutati specificamente per l’emergenza, oltre 170 operatori internazionali arrivati da altri paesi africani e dal resto del mondo. Più di 100 le tonnellate di forniture mediche e logistiche arrivate via cargo aerei.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia