Scuole cattoliche: Diaco (Cei), “inclusive e di qualità, ma spesso costrette a chiudere“

Inclusive, di qualità, capaci di dare lavoro a 80mila persone. Ma spesso costrette a chiudere. Sono queste le caratteristiche principali delle quasi 8mila scuole cattoliche presenti sul territorio nazionale (il 70% sono scuole dell’infanzia) che nell’ultimo anno scolastico hanno visto un calo di 389 unità. A tracciare un “bilancio sociale” della scuola cattolica italiana è stato Ernesto Diaco, direttore dell’Ufficio nazionale per l’educazione, la scuola e l’università della Cei che è intervenuto al convegno “Liberi di Educare”, promosso dall’ufficio scuola della Diocesi di Roma e dalla Rivista Lasalliana, a 300 anni dalla morte di san Giovanni Battista de La Salle.
“Sono oltre 582mila gli alunni che frequentano le scuole cattoliche e più di un milione i genitori che esprimono apprezzamento, fiducia e un alto gradimento dal momento che il voto che danno è 8,5”, ha spiegato Diaco ricordando che “sono circa 80mila le persone impiegate, tra docenti, dirigenti e personale non docente, di cui 55mila insegnanti con l’86,8% di laici”. La scuola cattolica in Italia dunque “è una realtà lavorativa non marginale”. Non solo: ha un alto livello formativo, come dimostrano i dati delle Prove Invalsi dello scorso anno. “Le cifre, finora inedite, dicono che gli alunni delle scuole paritarie hanno una media più alta di quelli delle statali e quelli delle cattoliche ancora più alta di quelli delle altre paritarie”, ha detto Diaco. “Nelle prove di italiano e matematica, la media nazionale per gli alunni di terza media è di 200 mentre quella delle cattoliche è di 217; per la quinta primaria, la media delle cattoliche è 207 a fronte del 202 delle statali. In inglese, la media degli studenti di terza media delle statali è 200 contro il 222 delle cattoliche”, ha elencato il direttore Cei. Un altro dato che caratterizza le scuole cattoliche è quello relativo all’inclusione: “sono – ha detto Diaco – quasi 32mila gli alunni stranieri iscritti, cioè il 5,5%, un numero in crescita dell’1,1% negli ultimi 10 anni”. E, ha aggiunto, “sono 7.774 gli studenti con disabilità, cresciuti dell’1,3% nell’ultimo decennio”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa