Rinnovamento nello Spirito: mons. Lambiasi (Rimini), “davanti ad un bivio drammatico: o imbocchiamo il sentiero della gioia o affondiamo nelle sabbie mobili della noia”

(Da Rimini) “Siamo davanti ad un bivio drammatico: o imbocchiamo il sentiero della gioia o non ci rimane che affondare nelle sabbie mobili della noia. Come fa un cristiano spento e triste a portare un messaggio di gioia?”: è stata questa la provocazione di mons. Francesco Lambiasi, vescovo di Rimini, intervenuto oggi alla 42ma Convocazione Nazionale dei Gruppi e delle Comunità del Rinnovamento nello Spirito Santo (RnS) in corso fino a domani nella città della riviera romagnola. Davanti ad oltre 15mila partecipanti il vescovo ha “pennellato tre note di una gioia cristiana di buona lega”: la prima è la gioia della “filialità”, la seconda è la gioia della “fraternità/sororità” e la terza la gioia della “contemplazione”. “Non siamo orfani – ha spiegato mons. Lambiasi – abbandonati ad un destino cieco e baro. Ci è stato detto che Dio Padre era il nemico della nostra libertà, uno spietato castratore. Abbiamo un padre e con Gesù possiamo balbettare ‘Abbà Padre’. Una parola di infinita dolcezza”. “Ci avevano detto che l’uomo discende dalla scimmia e va verso il nulla, un pacco spedito dall’ostetricia all’obitorio. Ma Gesù ci ha detto che siamo figli e perciò fratelli e sorelle, con il genoma della comunione nel nostro Dna. La gioia della filialità si riversa in quella della fraternità/sororità”. Terza nota è la gioia della contemplazione: “Gesù ci ha insegnato a pregare il Padre nostro che è nei cieli, bisogna contemplare l’azzurro profondo, farsene accendere gli occhi, sapere ascoltare il silenzio, accoglierne la quiete rigenerante, fin nelle pieghe più riposte dell’anima. Può accadere sostando sul Vangelo, lasciandosi ferire da una domanda, lasciandosi intercettare da una parola”. “Grazie di cuore perché siete tornati a Rimini – ha concluso mons. Lambiasi – vi auguriamo che della vostra presenza nella nostra città in questi giorni rimanga una scia di profumo: il buon profumo di Cristo, attraverso il fragrante profumo della vostra gioia”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa