Diocesi: Latina, riapre il Museo a Sezze. Gli studenti del liceo saranno le guide turistiche

Si sono riaperte ieri le porte del Museo di arte sacra di Sezze (Lt), rimasto chiuso per diversi anni e situato all’interno del complesso della concattedrale di Santa Maria Annunziata. L’iniziativa è stata resa possibile grazie al progetto Mani in arte: lavorare in un museo, ideato dall’équipe del ProgettoPolicoro della diocesi di Latina, che ha coinvolto tredici studenti del locale liceo classico “Pacifici e De Magistris” in attività di alternanza scuola-lavoro. “Abbiamo voluto fornire ai ragazzi un’occasione valida di alternanza, che fosse in linea con i loro studi e potesse donare spunti concreti per la conoscenza del museo – afferma Valentina Fanella, animatrice di comunità del Progetto Policoro della diocesi di Latina –. L’auspicio è che in futuro questa esperienza sia utile ai ragazzi anche per intraprendere una professione nel mondo dei beni culturali”. Gli studenti hanno seguito un percorso formativo di venti ore con giovani laureati in storia dell’arte, archeologia e scienze dell’educazione, potendo così scoprire quadri e oggetti sacri esposti nelle sale del museo, conoscere la storia della concattedrale e specializzarsi sulle tecniche per una comunicazione efficace con adulti e bambiniSaranno loro a occuparsi delle visite guidate, che proseguiranno in diversi fine settimana di aprile e maggio, tra reliquiari e ostensori dedicati tra l’altro al patrono di Sezze, san Lìdano d’Antena, dipinti e paramenti sacri.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa