Diocesi: Modena-Nonantola, dimesso dallo stato clericale il sacerdote Fernando Bellelli

Il 2 aprile scorso la Congregazione per il Clero ha comunicato all’arcivescovo di Modena-Nonantola, mons. Erio Castellucci, la decisione, presa da Papa Francesco il 20 marzo precedente, di dimettere il sacerdote Fernando Bellelli dallo stato clericale, con relativa dispensa dagli obblighi sacerdotali, compreso il sacro celibato. Tale decisione è inappellabile e non è soggetta ad alcun tipo di ricorso. Ne dà notizia la stessa arcidiocesi, in una nota nella quale spiega che “la decisione del Papa costituisce l’esito di un approfondito procedimento canonico avviato dall’arcidiocesi nel febbraio del 2016 e portato avanti sulla base di indicazioni e richieste da parte della Congregazione per il Clero. Il procedimento non ha riguardato imputazioni penali, né canoniche né civili, inerenti persone minori, ma ha riguardato aspetti fondamentali della vita sacerdotale”.
“Una pena nella Chiesa viene inflitta sempre in vista di un bene maggiore – prosegue la nota -, sia per colui che ne viene raggiunto, sia per l’intera comunità cristiana. Accogliamo con docilità questa decisione, custodendola nella preghiera”.
“Fernando Bellelli – precisa l’arcidiocesi – non è scomunicato; rimane in comunione con la Chiesa in quanto fratello battezzato in Cristo ed è invitato ad attingere, come ogni fedele, alla grazia del Vangelo e dei sacramenti”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa