Bangladesh: Unicef, “per i cambiamenti climatici a rischio le vite e il futuro di 19 milioni di bambini”

(Foto: Unicef)

“Le inondazioni, i cicloni e altri devastanti disastri ambientali legati al cambiamento climatico stanno minacciando le vite e il futuro di oltre 19 milioni di bambini in Bangladesh”. L’allarme viene dal nuovo rapporto Unicef “A Gathering Storm: Climate change clouds the future of children in Bangladesh” (“Una grande tempesta: il cambiamento climatico annebbia il futuro dei bambini in Bangladesh”).
“Il cambiamento climatico sta aggravando la minaccia ambientale che colpisce le famiglie delle comunità più povere del Bangladesh, lasciandole senza la possibilità di tenere i propri figli in case sicure, con cibo, cure mediche e istruzione adeguati”, ha dichiarato Henrietta Fore, direttore generale dell’Unicef, che all’inizio di marzo 2019 è stata in missione nel Paese asiatico. “In Bangladesh e nel mondo, il cambiamento climatico può annullare molti dei traguardi che i Paesi hanno raggiunto nella sopravvivenza e sviluppo dei bambini”, ha aggiunto.
Tra i bambini maggiormente colpiti, circa 12 milioni vivono nei pressi di potenti sistemi fluviali che attraversano il Bangladesh e straripano regolarmente. La più ampia e recente inondazione del fiume Brahmaputra nel 2017 ha colpito almeno 480 cliniche sanitarie e danneggiato circa 50.000 pozzi tubolari, essenziali per garantire acqua sicura alle comunità. Altri 4,5 milioni di bambini vivono in aree costiere regolarmente colpite da potenti cicloni, compreso circa mezzo milione di bambini rifugiati rohingya che vivono in fragili rifugi di bambù e plastica. Altri 3 milioni di bambini vivono nell’entroterra, dove le comunità agricole soffrono per l’ampliarsi dei periodi di siccità.
Il rapporto mostra che “il cambiamento climatico è un fattore chiave che sta spingendo la popolazione più povera del Bangladesh ad abbandonare le case e comunità e a provare a ricostruire la sua vita in altri luoghi. Molti si dirigono verso Dhaka e altre città più grandi, dove i bambini rischiano di cadere vittime di pericolose forme di lavoro e matrimoni precoci”.
“Quando le famiglie migrano dalle loro case nel Paese a causa del cambiamento climatico, i bambini praticamente perdono la loro infanzia – ha osservato Edouard Beigbeder, rappresentante dell’Unicef in Bangladesh -. Nelle città affrontano pericoli, deprivazione e la pressione di lavorare nonostante il rischio di sfruttamento e abuso”.
Il rapporto chiede alla comunità internazionale e agli altri partner di supportare i governi ad attuare una serie di iniziative per proteggere i bambini dagli effetti del cambiamento climatico, come la tecnologia promossa dall’Unicef e altri partner grazie alla quale le comunità che vivono lungo le coste sono aiutate a proteggere le scorte vitali di acqua potabile dall’intrusione di acqua salata dal mare.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa