Papa Francesco: Messa Crismale, clericalismo è “volersi assicurare il cibo e la propria comodità disinteressandosi della gente”

foto SIR/Marco Calvarese

Il “seguire della gente” va “aldilà di qualsiasi calcolo, è un seguire senza condizioni, pieno di affetto”: “Contrasta con la meschinità dei discepoli il cui atteggiamento verso la gente rasenta la crudeltà quando suggeriscono al Signore di congedarli, perché si cerchino qualcosa da mangiare”. Lo ha spiegato il Papa, che nell’omelia della Messa del crisma, celebrata questa mattina nella basilica di San Pietro, si è soffermato sulle folle che seguivano Gesù, stigmatizzando il comportamento di chi se ne disinteressa. “Qui – io credo – iniziò il clericalismo”, il commento del Papa: “In questo volersi assicurare il cibo e la propria comodità disinteressandosi della gente”. “Il Signore stroncò questa tentazione”, ha fatto notare il Papa sulla scorta del Vangelo: “‘Voi stessi date loro da mangiare’, fu la risposta di Gesù: “Fatevi carico della gente!”. La seconda grazia che riceve la folla quando segue Gesù “è quella di una ammirazione colma di gioia”, ha proseguito Francesco: “La gente si meravigliava di Gesù, dei suoi miracoli, ma soprattutto della sua stessa persona. Alla gente piaceva tanto salutarlo per la strada, farsi benedire da lui e benedirlo, come quella donna che in mezzo alla folla benedisse sua madre. E il Signore, da parte sua, era ammirato della fede della gente, se ne rallegrava e non perdeva occasione per farlo notare.
La terza grazia che riceve la gente è quella del discernimento: “Cristo, la Parola di Dio venuta nella carne, suscita nella gente questo carisma del discernimento; non certamente un discernimento di specialisti in questioni disputate”. “Quando i farisei e i dottori della legge discutevano con lui, quello che la gente riconosceva era l’autorità di Gesù”, ha osservato il Papa: “La forza della sua dottrina capace di entrare nei cuori e il fatto che gli spiriti maligni gli obbedivano; e che inoltre, per un momento, lasciasse senza parole quelli che mettevano in atto dialoghi insidiosi: la gente godeva di questo”. “Sapeva distinguere e godeva”, ha aggiunto a braccio.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori