Carabiniere ucciso a Cagnano Varano: mons. Checchinato (San Severo), “questo è il territorio di Vincenzo e degli uomini onesti”. “Papà Luigi è una roccia di fede e di umanità”

“È vero che questo è il territorio del delinquente che ha sparato, ma è anche soprattutto il territorio di Vincenzo. E lui e tutta la sua famiglia sono un esempio bellissimo di persone civili. Vincenzo era un credente. Ieri ho incontrato il papà, e mi ha detto di avere 84 anni e 71 tessere dell’Azione Cattolica: ‘Io sono fedele, non ho mai tradito. Mio figlio si è comportato da eroe’. Questo è il nostro territorio. Non è soltanto mafia”. Mons. Giovanni Checchinato, vescovo di San Severo, sta vivendo insieme al paese le ore drammatiche che seguono l’omicidio di Vincenzo Di Gennaro, il vicecomandante della stazione di Cagnano Varano originario di San Severo. “Se continuiamo a ripetere che qui è tutto negativo, anche i giovani pensano di non avere futuro. No – dice al Sir mons. Checchinato -, qui c’è spazio per tutte le donne e gli uomini onesti di questa terra. E sono tantissimi”. “Il paese ha reagito con umiliazione, rabbia, stupore. Chi ha portato la bandiera sono i familiari. Sono colpito da papà Luigi – ribadisce il vescovo -, che è una roccia di fede e di umanità. Le persone reagiscono anche così. Soltanto Dio sa che dolore sta patendo, ma sa vedere il gesto del figlio come eroico. Come qualcosa che andava fatto. Perché le persone per bene fanno questo”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa