Papa Francesco: tratta “piaga profonda” che “deturpa l’umanità della vittima e disumanizza chi la compie”

(Foto Vatican Media/SIR)

La tratta di persone “è una delle manifestazioni più drammatiche” della “tendenza alla mercificazione dell’altro, che ho più volte denunciato”. A ribadirlo è stato il Papa, ricevendo oggi in udienza i partecipanti alla Conferenza internazionale sulla tratta di persone, organizzata dalla Sezione migranti e rifugiati del Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale in questi giorni alla Fraterna Domus di Sacrofano. “I nostri tempi hanno segnato una crescita dell’individualismo e dell’egocentrismo, atteggiamenti che tendono a considerare gli altri in una prospettiva meramente utilitaristica, attribuendo ad essi un valore secondo criteri di convenienza e vantaggio personale”, ha esordito Francesco citando gli Orientamenti pastorali sulla tratta di persone, recentemente approvati dal Dicastero. Il Papa è tornato a definire la tratta “una piaga profonda nell’umanità di chi la subisce e di chi la attua”, che “deturpa l’umanità della vittima, offendendo la sua libertà e dignità” ma, al tempo stesso, “disumanizza chi la compie” e “danneggia gravemente l’umanità nel suo insieme, lacerando la famiglia umana e il Corpo di Cristo”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia