Casa Sollievo della Sofferenza: si è dimesso il direttore generale Domenico Crupi, vice presidente della Fondazione

Domenico Crupi ha rassegnato nelle mani del cardinale segretario di Stato Pietro Parolin le dimissioni da vice presidente e direttore generale della Fondazione “Casa Sollievo della Sofferenza”, opera di San Pio da Pietrelcina. Il mandato era stato rimesso alla Segreteria di Stato di Sua Santità già nel dicembre dello scorso anno, ripresentato l’8 marzo e ribadito il 2 aprile. Le motivazioni sono esclusivamente di ordine personale.
“È tempo di tornare a casa dopo quasi 12 anni di pendolarismo tra Genova e San Giovanni Rotondo. Bisogna capire quando è il momento giusto di porre fine a un’esperienza ancorché esaltante, gratificante ed arricchente, qual è stata la mia a San Giovanni Rotondo nell’Opera di San Pio da Pietrelcina”, ha dichiarato Crupi, che ha ringraziato la Santa Sede “per la grandissima opportunità che mi è stata offerta e che è stata occasione per misurare la mia coerenza di vita lavorativa ai valori cristiani, rafforzata dal ricordo indelebile delle visite a Casa Sollievo della Sofferenza di Sua Santità Papa Benedetto XVI e di Sua Santità Papa Francesco”.
“Sono stati anni in cui Casa Sollievo della Sofferenza ha raggiunto obiettivi di sviluppo importantissimi – ha ricordato Crupi – tutti pianificati in funzione dei bisogni dei malati e nel solco della missione assegnataci dal nostro Fondatore”.
Crupi, è ricordato in una nota, è arrivato a San Giovanni Rotondo nel 2007, nominato dal segretario di Stato vaticano, card. Tarcisio Bertone. Sotto la sua direzione, sin dal 2009, si è dato inizio ad una profonda revisione organizzativa della struttura ospedaliera. È stato introdotto un nuovo processo di programmazione e controllo il cui punto di forza è la pianificazione degli obiettivi strategici triennali (Piano strategico ospedaliero). I valori sottostanti tale processo sono costituiti dalla trasparenza e dalla responsabilizzazione diffusa e con esso si possono spiegare il raggiungimento dell’equilibrio economico certificato da una società di revisione internazionale e i livelli qualitativi di produzione mai raggiunti prima. In questi anni è stato dato grande impulso alla ricerca scientifica. In particolare, nel 2015, è stato inaugurato l’Istituto di Medicina Rigenerativa (Isbremit) e sono state avviate diverse sperimentazioni cliniche. Nel 2018 è stato inaugurato il Centro Innovazione e sviluppo per le aree della robotica assistiva, dell’intelligenza artificiale e dei big data. Oggi “l’Ospedale sulla montagna” è il maggior erogatore di servizi ospedalieri in ambito regionale con un’elevata attrattività extraregionale.
“Ringraziamo il direttore generale Domenico Crupi per quello che ci ha dato in questi 11 anni di gestione corretta e trasparente; 11 anni di condivisione di valori, di modelli di stile di direzione, di coerenza fra dichiarazioni verbali e fatti, di coniugazione di etica ed efficienza”, hanno affermato primari, medici e dirigenti di Casa Sollievo.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia