Etiopia: Frati cappuccini missionari, torna “Pane in piazza” a Milano per la costruzione del panificio industriale Saint Augustin

“Pane in piazza” torna nl capoluogo lombardo, per ben 11 giorni, in piazza Duomo, in occasione di Milano Food City, da giovedì 25 aprile a lunedì 6 maggio 2019, con una postazione per tre giorni anche alla Società Umanitaria. 150 fornai giunti da tutta Italia gratuitamente, sforneranno prelibatezze regionali dolci e salate con il pane a fare da re per sostenere insieme ai milanesi la costruzione del panificio industriale Saint Augustin in Etiopia, già avviata grazie alle donazioni raccolte nell’edizione 2018. A chiudere la kermesse benefica, sarà una Santa Messa di duomo presieduta da mons. Angelo Pagano, frate minore cappuccino vicario apostolico di Harar e responsabile di tutte le opere sociali del Vicariato, destinatario del Progetto Panificio St.Agustine. Concelebreranno i Frati cappuccini del convento di piazza Cimitero Maggiore 5.
“Pane in piazza” nacque 30 anni fa per iniziativa di Antonio Marinoni, panificatore che ricoprì le massime cariche rappresentative fino alla presidenza dei panificatori a livello mondiale; nel 2018, a 8 anni dalla sua scomparsa, la famiglia (i Marinoni sono panificatori dal 1500) – e in particolare il figlio Cesare – lo ha riproposto con i Padri cappuccini missionari di piazza Cimitero Maggiore e con il patrocinio del comune di Milano.
“In Etiopia – spiega una nota – guerra e siccità hanno causato una grave inflazione che ha portato perfino la materia prima del pane a costi proibitivi. Il Vicariato di Harar si estende su una superficie di 266.000 chilometri quadrati e la popolazione, raddoppiata nel giro di pochi anni, è di 100 milioni di persone, per la maggior parte giovani senza un impiego. Così mons. Pagano ha deciso di mettere a disposizione 500 metri quadri appartenenti al Vicariato per costruire un panificio industriale”.
Lo stabilimento dedicato a St. Augustin dovrà avere una capacità produttiva di 300 quintali al giorno, necessaria per colmare parte divario fra domanda e offerta di pane sul territorio, e per sostenere le opere della diocesi rivolte a persone di ogni religione ed etnia.
I Frati del Centro missionario di piazza Cimitero Maggiore 5 a Milano, che coordinano l’attività di animazione missionaria della Provincia dei Frati minori cappuccini di Lombardia, hanno accolto la richiesta di aiuto di mons. Pagano dando vita a una serie di attività, tra cui “Pane in piazza”, per raccogliere fondi, materiali e insomma tutti gli aiuti indispensabili per dare vita al progetto Saint Augustin, secondo lo stile missionario dei cappuccini riassunto nello slogan “Vicini per chi è lontano”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa