This content is available in English

Papa Francesco: Motu proprio su protezione dei minori, obbligo di denuncia e rimozione dagli incarichi

foto SIR/Marco Calvarese

Obbligo di denuncia e rimozione dagli incarichi. Sono due disposizioni contenute nel Motu Proprio di Papa Francesco sulla protezione dei minori e delle persone vulnerabili, diffuso oggi insieme alla legge e alle “linee guida” per lo Stato della Città del Vaticano in materia. “Sia mantenuta una comunità rispettosa e consapevole dei diritti e dei bisogni dei minori e delle persone vulnerabili, nonché attenta a prevenire ogni forma di violenza o abuso fisico o psichico, di abbandono, di negligenza, di maltrattamento o di sfruttamento che possano avvenire sia nelle relazioni interpersonali che in strutture o luoghi di condivisione”, la prima disposizione del Papa relativa alla tutela delle vittime: “Maturi in tutti la consapevolezza del dovere di segnalare gli abusi alle autorità competenti e di cooperare con esse nelle attività di prevenzione e contrasto; sia efficacemente perseguito a norma di legge ogni abuso o maltrattamento contro minori o contro persone vulnerabili; sia riconosciuto a coloro che affermano di essere stati vittima di sfruttamento, di abuso sessuale o di maltrattamento, nonché ai loro familiari, il diritto ad essere accolti, ascoltati e accompagnati; sia offerta alle vittime e alle loro famiglie una cura pastorale appropriata, nonché un adeguato supporto spirituale, medico, psicologico e legale; sia garantito agli imputati il diritto a un processo equo e imparziale, nel rispetto della presunzione di innocenza, nonché dei principi di legalità e di proporzionalità fra il reato e la pena”. Per quanto riguarda chi commette i reati, Francesco dispone che “venga rimosso dai suoi incarichi il condannato per aver abusato di un minore o di una persona vulnerabile e, al contempo, gli sia offerto un supporto adeguato per la riabilitazione psicologica e spirituale, anche ai fini del reinserimento sociale; sia fatto tutto il possibile per riabilitare la buona fama di chi sia stato accusato ingiustamente”. “Sia offerta una formazione adeguata per la tutela dei minori e delle persone vulnerabili”, la disposizione di carattere generale.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo