Papa Francesco: liturgia penitenziale, “il perdono di Dio non è una fotocopia” ma “un’esperienza sempre nuova e inimitabile”

(Foto Siciliani-Gennari/SIR)

“Quante volte noi ci sentiamo soli e perdiamo il filo della vita. Quante volte non sappiamo più come ricominciare, oppressi dalla fatica di accettarci. Abbiamo bisogno di iniziare da capo, ma non sappiamo da dove. Il cristiano nasce col perdono che riceve nel Battesimo. E rinasce sempre da lì: dal perdono sorprendente di Dio, dalla sua misericordia che ci ristabilisce”. Così Papa Francesco nell’omelia della Celebrazione penitenziale tenuta nella Basilica di San Pietro durante il Rito per la Riconciliazione di più penitenti con la confessione e l’assoluzione individuale: “Solo da perdonati possiamo ripartire rinfrancati, dopo aver provato la gioia di essere amati dal Padre fino in fondo. Solo attraverso il perdono di Dio accadono cose veramente nuove in noi”. Il Papa ha ricordato che “il perdono ci dà un nuovo inizio, ci fa creature nuove, ci fa toccare con mano la vita nuova. Il perdono di Dio non è una fotocopia che si riproduce identica a ogni passaggio in confessionale. Ricevere tramite il sacerdote il perdono dei peccati è un’esperienza sempre nuova, originale e inimitabile. Ci fa passare dall’essere soli con le nostre miserie e i nostri accusatori, come la donna del Vangelo, all’essere risollevati e incoraggiati dal Signore, che ci fa ripartire”. A chi venisse il dubbio che “confessarsi non serve, faccio sempre i soliti peccati”, Francesco ha assicurato: “Il Signore ci conosce, sa che la lotta interiore è dura, che siamo deboli e inclini a cadere, spesso recidivi nel fare il male. E ci propone di cominciare a essere recidivi nel bene, nel chiedere misericordia. Sarà Lui a risollevarci e a fare di noi creature nuove. Ripartiamo allora dalla Confessione, restituiamo a questo sacramento il posto che merita nella vita e nella pastorale!”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo