Ciclone Idai: Pulido Tarquino (Msf), in Mozambico “molti centri non in condizioni di dare una risposta sufficiente” all’emergenza colera. “Rischio epidemia massiccia”

“Dal momento in cui è stato dichiarato il colera a Beira, si sono attivati subito dei meccanismi di controllo e sono stati costruiti centri di trattamento d’urgenza per pazienti che si presentano con sintomi riconducibili alla malattia. La risposta delle autorità sanitarie cerca di essere armonica, ma ci sono molte difficoltà perché molti centri non sono in condizioni di dare una risposta sufficiente per il numero di pazienti che si presentano ogni giorno”. È quanto racconta Ivan Alejandro Pulido Tarquino, epidemiologo di Medici senza frontiere (Msf), impegnato nella risposta all’emergenza provocata dal ciclone Idai in Mozambico.
“In un Paese dove il colera è endemico – spiega – è sufficiente un caso confermato tramite analisi di laboratorio per dichiarare ufficialmente l’epidemia”. L’epidemiologo evidenzia che “in un centro di trattamento d’urgenza sono stati confermati 130 casi di cui 5 morti fino a oggi, ma la copertura di informazioni al momento è ancora insufficiente, perché molte strade sono impraticabili e il sistema stesso di notificazione dei casi è stato gravemente colpito. Non ci sono risorse umane, i registri sono stati rovinati dalla pioggia e dalle acque, i centri stessi sono senza stanze perché non ci sono più tetti, non ci sono pareti né finestre”.
“Il rischio più grande – prosegue Pulido Tarquino – è dovuto al fatto che il ciclone Idai ha completamente cancellato tutte le infrastrutture, parlo di ospedali, centri sanitari, scuole, case, sistema idrico di distribuzione dell’energia, le strade. Questo vuol dire che nel momento in cui si può identificare un potenziale caso di colera non sempre l’intervento può essere immediato”. “In questo momento – conclude – il rischio di un’epidemia massiccia è molto più alto a causa di queste particolari condizioni. A Beira è in corso un’epidemia di colera in un’area che ha sofferto un disastro”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo