San Nicola: La Vecchia (domenicani), “ogni giorno proviamo ad andarci incontro gli uni con gli altri”

“Oggi l’uomo combatte con una sorta di schizofrenia fatta di contrasti e divisioni. Ma non possiamo limitarci a dividere a metà le cose, tra buone e brutte, perché quella tenerezza di cui parla il profeta Isaia è un modo di tenere insieme l’uomo. Perché oggi non abbiamo l’uomo delle sacrestie, che vive una sua fede, e l’uomo che vive una fede asettica. Oggi abbiamo l’uomo, con una sua tenerezza drammatica”. È netto il commento di padre Francesco La Vecchia, priore provinciale dei Domenicani di Bari, dall’altare della Basilica di San Nicola in occasione delle celebrazioni del Santo patrono del capoluogo pugliese. “La parola di Dio allora riscalda e illumina tutto questo. – continua -. Oggi vogliamo solo dividere ma la fede di Dio invece è incarnata, umana, reale”. Il priore ha richiamato il momento in cui Gesù domanda a Pietro “mi ami tu?” per spiegare il fatto di essere “capaci di leggere con gli occhi del Padre la nostra esistenza. Ecco questo significa essere amico di Dio”. E così, spiega padre La Vecchia, “ha fatto Nicola, uomo della verità perché ha incontrato la verità. E proprio per questa sua umanità San Nicola lo sentiamo familiare”. Perché “si ama per convinzione, verità e bisogno ed è per questo che facciamo festa. Ed ecco perché ogni giorno proviamo ad andarci incontro gli uni con gli altri, perché possiamo incontrare uno sguardo. Questa è l’amicizia di Dio”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori