Papa Francesco: a Ong di ispirazione cattolica, “complessità del mondo e crisi antropologica esigono testimonianza coerente di vita”

“La complessità del mondo e la crisi antropologica in cui siamo immersi esigono una testimonianza coerente di vita per poter suscitare un dialogo e una riflessione positiva sulla dignità umana”. Lo ha sottolineato Papa Francesco, stamattina, durante l’udienza concessa ai partecipanti al IV Forum mondiale delle Ong di ispirazione cattolica, in corso a Roma dal 5 al 7 dicembre 2019, sul tema “Toward a More Inclusive Society”.
“Tale testimonianza – ha ricordato il Pontefice – comporta due esigenze: da una parte, una grande fede e fiducia nel saperci strumenti dell’azione di Dio nel mondo; al primo posto non c’è la nostra efficienza. Dall’altra parte, è necessario avere la preparazione professionale adeguata nelle materie scientifiche e umanistiche per saperle presentare secondo una prospettiva cristiana; in questo senso, la dottrina sociale della Chiesa offre il quadro di principi ecclesiali idonei a servire meglio l’umanità”. Di qui l’invito: “Vi raccomando di conoscerla, di essere ben formati in essa, per poi ‘tradurla’ nei vostri progetti. La formazione appropriata e l’educazione, come dimensione trasversale ai problemi della vita socio-politica, è al giorno d’oggi un impegno prioritario per la Chiesa. Non possiamo parlare di memoria”. Ed “è per questo – ha aggiunto – che ho voluto lanciare un appello mondiale per ricostruire un Patto globale sull’educazione, che formi alla pace e alla giustizia, all’accoglienza tra i popoli e alla solidarietà universale, oltre all’attenzione per la cura della ‘casa comune’, nel senso espresso dall’enciclica Laudato si’. Vi incoraggio, pertanto, a incrementare, ancora di più, la vostra professionalità e la vostra identità ecclesiale”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori