Natale: mons. Cuttitta (Ragusa), “avviare una dimensione di inclusione dei poveri e degli ammalati”

“Vogliamo avere un occhio di predilezione per le persone che vivono situazioni di povertà, per i tanti bambini nel mondo che nascono e muoiono dopo pochi giorni, perché non hanno nulla da mangiare o vengono abbandonati. E noi non possiamo restare a guardare”. Lo dice il vescovo di Ragusa, mons. Carmelo Cuttitta, nel suo videomessaggio per il Natale rivolto ai fedeli della diocesi. “Se questo mondo non riesce ad avviare una dimensione di speranza, di inclusione dei poveri, dei sofferenti e degli ammalati, allora non sarà Natale”. L’intento del presule è quello di “dare parte del nostro tempo a persone che non vediamo o per la fretta non riusciamo a fare entrare nella nostra vita”. Citando la lettera di Papa Francesco sul presepe, mons. Cuttitta rivolge un incoraggiamento a tutti coloro che sono in difficoltà: “Non siete da soli, siamo con voi. Siamo per voi. Vi verremo incontro per darvi una dimensione di maggiore dignità, per potere incontrare con gioia ed esultanza nel Natale del Signore il figlio di Dio che si fa bambino”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia