Diocesi: Grosseto, domani mercatino dei detenuti nell’atrio del palazzo vescovile. Lunedì mons. Cetoloni celebra messa in carcere

Un mercatino con oggetti realizzati a mano dai detenuti della casa circondariale di Grosseto per arricchire l’albero di Natale o decorare la casa, o con biglietti di auguri per le imminenti festività. Si terrà, grazie alla collaborazione della Pro loco cittadina, domenica nell’atrio del palazzo vescovile, in corso Carducci 11, a Grosseto. Un’attività importante perché stimola “la socializzazione, l’espressività e in qualche modo anche il bisogno di svago”, spiega Eleonora D’amico, responsabile dell’area trattamentale della casa circondariale di Grosseto. Il mercatino (ore 9.30-13 e 16-19) “servirà anche a creare un fondo di solidarietà per far fronte ai bisogni più urgenti di detenuti indigenti”. “Quello tra la casa circondariale di Grosseto e la Pro loco è un rapporto che va avanti da tempo – commenta il presidente Umberto Carini –. Il nostro vuol essere un ruolo di sostegno, solidarietà e facilitazione anche di un contatto più forte tra la città e la struttura di via Saffi, che è nel cuore del centro cittadino”. Lunedì 16 dicembre, infine, il vescovo Rodolfo Cetoloni, accompagnato dal cappellano don Enzo Capitani, si recherà nella casa circondariale di via Saffi per incontrare la direzione, il personale, gli agenti della polizia penitenziari, i detenuti e i volontari. Alle 9.30 celebrerà la messa, occasione con cui farà gli auguri di Natale. Animeranno i giovani di Nomadelfia.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa