Giornata mondiale infanzia: Save the Children, un bambino su 5 vive in aree di conflitto

Oggi, nel mondo, un bambino su 5 vive in aree di conflitto e almeno 27 milioni di minori sfollati a causa della guerra non possono più andare a scuola; più di 1 miliardo di bambini vive in contesti flagellati dalla povertà e, solo nel Corno d’Africa, dove imperversano le conseguenze disastrose dei cambiamenti climatici, 6,5 milioni di bambini sono attualmente colpiti dalla fame. Questi alcuni dati che tratteggiano i contorni della condizione dell’infanzia nel mondo su cui Save the Children vuole tenere alta l’attenzione in occasione del trentesimo anniversario della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, grazie a una settimana di mobilitazione, con iniziative ed eventi su tutto il territorio nazionale, e il coinvolgimento di tantissime scuole. I dati forniti dall’ong presentano una infanzia negata anche a tantissime bambine in tutto il pianeta, spesso vittime di discriminazioni di genere: a oggi, 120 milioni di ragazze in tutto il mondo, una su 10, sono state vittima di stupro o di altri atti sessuali forzati e tra i minori costretti a entrare nei gruppi armati quasi una su 3 è una bambina. Per celebrare i 30 anni della Convenzione Save the Children diffonde un video con un esperimento sociale, in cui i bambini mettono alla prova i loro genitori, intervistandoli sui loro diritti.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori