Germania: card. Marx (Dbk), “in Siria ancora una volta sono le persone a essere vittime di un calcolo politico”

(Foto Siciliani-Gennari/SIR)

Parlando davanti agli 800 ospiti dell’annuale incontro del San Michele organizzato dall’Ufficio cattolico di Berlino, ieri il card. Reinhard Marx ha ricordato la tentata strage antisemita alla sinagoga di Halle, sottolineando di esser rimasto profondamente scioccato che fosse possibile un attacco antisemita così volgare: “Non deve mai più succedere! Siamo fermamente al fianco delle nostre sorelle e fratelli ebrei! Continueremo a mostrare solidarietà. Sottolineo chiaramente: non ci separeremo mai più. Cristiani ed ebrei attraverseranno sempre la storia insieme fino a quando il Signore verrà di nuovo”.
Nel suo intervento berlinese, il presidente della Conferenza episcopale tedesca (Dbk) ha espressamente messo in guardia contro l’ulteriore escalation militare in Medio Oriente. L’invasione turca della Siria è un chiaro caso di violazione del diritto internazionale. “Ancora una volta sono le persone a essere vittime a causa di un calcolo politico. La Nato è una comunità di valori, e questo dovrebbe essere tenuto in considerazione proprio ora quando in Siria c’è una situazione che è terrificante”. Per il porporato “laddove la Chiesa può fare qualcosa, vuole contribuire all’unità della famiglia umana. La Chiesa è uno strumento di unità, non è un partito politico, vuole stimolare la riflessione, trovare obiettivi per la famiglia umana e dare orientamento. Continuiamo a ribadirlo come nostra missione di domani”. Per quanto riguarda gli interventi di salvataggio in mare dei migranti, Marx ha affermato che il confine del Mediterraneo non dovrebbe mai essere “un limite di morte”. È necessaria una procedura equa. Nessuno dovrebbe essere rispedito in una situazione di guerra e violenza. Allo stesso tempo, le cause e i motivi della migrazione dovrebbero essere affrontate. A differenza della Chiesa evangelica in Germania (Ekd), la Chiesa cattolica non vuole partecipare al salvataggio dei migranti nel Mediterraneo con una propria nave.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa