Colloquio Paolino: Barclay (Durham University), “le lettere di Paolo riflettono divisioni tra cristiani ma lui invitava all’unità”

“L’apostolo Paolo è stato, in linea generale, una figura piuttosto dibattuta. Le sue lettere riflettono le profonde controversie all’interno della Chiesa delle origini ed il suo linguaggio e le sue emozioni sono abbastanza forti. Sin dall’inizio ci sono state opinioni contrastanti circa l’interpretazione di queste lettere e gruppi Cristiani rivali hanno preteso di avere Paolo dalla loro parte. Eppure Paolo stesso invitava alla unità nella Chiesa”. Lo afferma John Barclay, docente della Durham University (Regno Unito), presentando al Sir il Colloquio Paolino con gli studiosi di Paolo di tutte le religioni cristiane, che si terrà all’Abbazia di San Paolo fuori le Mura, dal 10 al 15 settembre. “Lavorando con rigore ed attenzione sulle lettere di san Paolo una per volta, questi Colloquia hanno dedicato notevole tempo alle discussioni e reciproche comprensioni”, aggiunge il docente parlando dell’iniziativa. Indicando uno “spirito di ecumenismo”, Barclay segnala che “nuove comprensioni di Paolo sono emerse da diverse angolazioni, assieme a una più profonda cognizione delle differenze di prospettiva”. Quindi, ne evidenzia un esempio: “C’è stata una pregevole nuova indagine dell’etica di Paolo circa la libertà, l’amore e l’edificazione della comunità, svincolando le potenzialità delle lettere di Paolo per una più attuale comprensione della etica cristiana oggi”. “Questa è l’unica occasione al mondo in cui le tre maggiori tradizioni cristiane interagiscono così fortemente sull’interpretazione di Paolo e l’impatto di queste conferenze è stato immenso. Ventitré volumi di raccolte di relazioni sono stati pubblicati ad oggi da questi Colloquia”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia