Sovvenire: campus “ComuniDare”, in aula il cammino dalle origini alle prospettive del sostegno economico alla Chiesa

Il sostegno economico alla Chiesa, dalle comunità cristiane delle origini agli attuali sistemi di finanziamento delle confessioni religiose in Europa. Nella seconda parte delle Giornate di formazione del campus “ComuniDare”, organizzate dal Servizio Promozione Cei questa settimana fino al 7 settembre, sono previste lezioni di approfondimento teologico, ecclesiologico, giuridico e pastorale. In aula mons. Ennio Apeciti, docente di storia della Chiesa presso il Seminario di Milano, con un excursus storico del ‘sovvenire’ in parallelo con la storia della Chiesa nel fondamento della Parola di Dio e don Dario Vitali, docente di ecclesiologia all’Università Gregoriana di Roma (tema, ‘Un prete libero per una Chiesa povera’). Elementi di amministrazione locale verranno da don Girolamo Dello Iacono, direttore amministrativo e incaricato per il sovvenire in diocesi di Isernia-Venafro, mentre Stefano Gasseri del Servizio Promozione Cei, dove coordina la rete territoriale degli incaricati, dedicherà il suo intervento alla promozione di 8xmille e Offerte. Profili giuridici del sostentamento del clero verranno approfonditi dal sottosegretario Cei mons. Giuseppe Baturi, direttore dell’Ufficio problemi giuridici, mentre sarà illustrato da don Sandro Panizzolo, parroco di San Giuseppe operaio a Monselice (Padova) il legame tra sovvenire e comunione ecclesiale.

Gli appuntamenti conclusivi in plenaria saranno a cura della Scuola internazionale di management pastorale sui temi del fundraising, con un workshop progettuale sulla promozione del sovvenire “Comunicare, condividere, coinvolgere”. Le prospettive del sistema di finanziamento delle confessioni religiose in Italia saranno invece al centro della relazione di Settimio Carmignani Caridi, ricercatore in Diritto Canonico ed Ecclesiastico presso l’Università di Roma Tor Vergata. Il campus “ComuniDare”, avviato fin dal 2004, è nato come formazione integrativa ai temi del sovvenire alle necessità della Chiesa, così come stabilito da una determinazione dei vescovi italiani, nel 1998 a Collevalenza (Perugia). Ad oggi ha formato oltre un migliaio di seminaristi. Da un anno a questa parte l’appuntamento è aperto anche ai nuovi incaricati diocesani, cui è assegnato il delicato compito pastorale di promuovere presso parroci e comunità i valori e gli strumenti della riforma concordataria.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo