This content is available in English

Regno Unito: Welby (Primate anglicano), “chi ha di più paghi più tasse per aiutare i poveri”. Intervento sulla giustizia fiscale

Justin Welby

(Londra) Più tasse per i ricchi e i giganti della tecnologia come “Google” per aiutare i più poveri attraverso iniezioni di denaro nel settore pubblico. È il Primate anglicano Justin Welby, ex manager nell’industria petrolifera, a criticare l’economia britannica che, ormai, vede un lavoratore su otto, 3,8 milioni di persone, vivere in condizioni di povertà. In occasione della pubblicazione del rapporto della “Commissione sulla giustizia economica”, della quale Welby faceva parte, il Primate anglicano ha detto che “è ora di ripensare come funziona l’economia britannica perché ci sono milioni di persone che vivono in povertà, pur lavorando, e non possono permettersi neppure pesce e patatine fritte” (fish & chips, piatto tipico britannico). Il capo teologico della “Chiesa di Inghilterra” ha rilasciato le sue dichiarazioni alla Bbc, in occasione della pubblicazione della relazione della “Commissione sulla giustizia economica” che chiede che il salario minimo di oggi venga aumentato di una sterlina all’ora per raggiungere i 10 euro per chi ha più di 25 anni. Urgente anche, sempre secondo l’arcivescovo, una riforma del sistema fiscale con una tassa minima sulle multinazionali della tecnologia. “È chiaro”, ha dichiarato Justin Welby, “che le tasse dovrebbero giocare un ruolo fondamentale nella vita dei cittadini e che chi ha di più dovrebbe pagare di più. Bisognerebbe impedire a qualsiasi società, che fa profitti nel Regno Unito, di evitare il fisco approfittando del fatto che è una multinazionale”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo